ADDOMINALI. Voglio la TARTARUGA !

Pancia Piatta. Scolpire l’addome con dieta ed esercizi 

 

addominaliAvere una pancia e degli addominali definiti è una giusta esigenza non solo estetica. Avere gli addominali a tartaruga, magari da sfoggiare in spiaggia, è spesso il motivo principale che spinge molte persone a fare esercizio.

Niente di male, ovviamente, ma non dobbiamo mai dimenticare che il ruolo fondamentale dei muscoli addominali è, in primo luogo, legato alla salute.

Bisogna infatti ricordare sempre che la loro funzione fisiologica è quella di agire come una cintura anatomica e naturale che sostiene i visceri al loro posto, fissa il bacino e stabilizza la postura.

addominaliGli addominali, inoltre, hanno anche un’azione essenziale nell’assicurare il legame tra il busto e le gambe e sono di primaria importanza nella flessione e nella rotazione della colonna vertebrale.

Il muscolo trasverso ci permette inoltre una espirazione profonda..

Avere Addominali rilassati e non allenati, quindi, prima che sull’estetica ha serie conseguenze per la colonna vertebrale e può provocare lombalgia, sciatalgia e ernia del disco.

Oltre che questi problemi, gli addominali rilassati possono causare una cattiva espirazione che rende più difficile eliminare l’anidride carbonica contenuto nei polmoni, con un conseguente eccesso di questo gas che può provocare mal di testa e stanchezza.

Avere Addominali forti e scolpiti, quindi, non è solo una esigenza estetica ma significa, in primo luogo, avere un corpo in buona salute e che funziona correttamente.

Per questo, è utile conoscere i nostri addominali, saper valutare il loro stato e correre ai ripari se sono poco allenati.

Migliorerà l’aspetto e la salute.

addominaliI muscoli addominali sono 4 paia e formano la parte anteriore e laterale dell’addome

1) Retti dell’addome. Formano la parete anteriore dell’addome. Partono dalle costole e si estendono fino al pube con la funzione di aiutare il busto a piegarsi. Sono quelli che danno luogo alla ben nota e desiderata “tartaruga”.

2)  Obliqui interni. Contribuiscono a formare la parete addominale, in profondità subito sotto al muscolo obliquo esterno. Partendo dal legamento inguinale, dalla spina iliaca anteriore, dalla cresta iliaca e dalla fascia lombosacrale si portano verso l’alto allargandosi a ventaglio, terminando in parte inserendosi sulle ultime quattro cartilagini costali.  La loro contrazione ha effetto sulla parete addominale e sulla gabbia toracica, contribuendo alla dinamica respiratoria. Una sua estensione a livello inguinale contribuisce a formare, nel maschio, il muscolo Cremastere, funzionale nell’elevamento dei testicoli.

3) Obliqui esterni. Flettono il busto in avanti in sinergia con i retti dell’ addome. Quando si contrae in modo unilaterale, flette il tronco di lato e lo ruota contemporaneamente nel lato opposto (l’obliquo esterno sinistro ruota il tronco a destra e viceversa). Partecipa alla rotazione/estensione finale in tutti quegli sport che richiedono movimenti di lancio.

4) Trasversi. Sono i più profondi dei muscoli larghi della fascia addominale. Si fissano sulle ultime 6 coste, sull’aponeurosi del muscolo sacrospinale, sul bordo interno della cresta iliaca e sul legamento inguinale. Stabilizzano il bacino, formando un vero e proprio “corsetto contenitivo” attorno alla fascia addominale, aiutati dai muscoli obliqui e dal retto addominale. Impediscono la ptosi dei visceri addominali (discesa verso il basso) insieme ai muscoli del pavimento pelvico.

E ora valuta i tuoi addominali, iniziando a valutare le condizioni dei  muscoli Retti dell’addome. Serve solo un tappetino e un cronometro, meglio se qualcuno prende i tempi.

È importante:

Non incrociare le mani dietro la testa e non bloccare mai il tuo respiro.

Una buona respirazione aiuta  ad eseguire l’esercizio in modo più efficace. Si espira dolcemente con la bocca in fase ascendente e si inspira durante la fase discendente.

Presa posizione, sdraiati con le ginocchia piegate, dopo alcune respirazioni profonde si portano le braccia verso i piedi per 30 sec, il maggior numero di volte possibile.

Valutazione

Da 1 a 9 volte  = sei completamente fuori allenamento

Da 10 a 19 volte  = ancora troppo poco

Da 20 a 29 volte  = quasi ci siamo

30 0 più = hai la tartaruga!

 

     Prosegui con :   PANCIA PIATTA

 

 

Scarica GRATIS L'Ebook “Svelato Il Segreto Per Dimagrire Velocemente 7 Kg In 7 Giorni (?!)”

Scopri In 57 Pagine Come Cambiare La Tua Vita, il dottore te lo manderà via email!

Ottimo! Controlla la tua email...